January 1, 2017

Santa Marta – Colombia

Marina di Santa Marta - Colombia

La sera del 16 Dicembre Y2K tocca per la prima volta il Sud America. Siamo in un nuovo sub-continente se possiamo definirlo così. Ci troviamo in Colombia accolti calorosamente da questo paese e dal suo popolo.

Abbiamo raccontato la nostra traversata da Curaçao QUI, QUI e QUI.

Ci troviamo ormeggiati al pontile carburanti del marina IGY Marina Santa Marta, siamo arrivati con un ventaccio sui 35 nodi, ma con il pronto aiuto di ormeggiatori super-competenti sia noi che Obiwan non abbiamo avuto troppe difficoltà. La notte le raffiche sono molto forti, ci troviamo all’imboccatura del marina e balliamo parecchio la rumba Smile

Il mattino del 17 Dicembre, molto presto, gli ormeggiatori ci guidano ai posti barca assegnatici dalla direzione, il vento è molto debole per fortuna, ma i ragazzi del marina ci dicono molto chiaramente di rinforzare bene gli ormeggi e raddoppiare tutte le cime perché si aspetta vento forte.

Y2K ormeggiata a IGY Marina Santa Marta - Colombia

Marina Santa Marta - Colombia

Sistemiamo Y2K “impacchettandola” ben bene con 8 cime, poi ci rechiamo in direzione con i documenti per effettuare le pratiche di ingresso in Colombia. Un plus del Marina Santa Marta è quello di avvalersi del servizio di un proprio agente che cura l’immigrazione e, se necessario, l’importazione temporanea dell’imbarcazione. Il costo dell’agente è totalmente a carico del marina, gli utenti pagano solamente eventuali tasse statali.

Gli impiegati sono gentilissimi, qui conosciamo Davide, italiano di Palermo ormai da diversi anni residente in Colombia, che gestisce il marina e Sergio di Siracusa che gestisce il cantiere del marina. Due persone splendide.

Nonostante la Colombia sia ormai un paese molto più sicuro di qualche anno fa, il marina ha comunque provveduto ad incrementare la sicurezza per i propri ospiti con una guardiania costante sui pontili e un controllo accessi al porto piuttosto rigido.

Effettivamente noi ci siamo sentiti sempre totalmente sicuri.

Direzione del marina - Santa Marta - Colombia

Il marina offre servizi eccellenti, bagni e docce puliti e moderni, pensate che l’accesso ai locali è gestito mediante lettori di impronte digitali. C’è la Wi-fi gratuita di buona qualità, lavanderia a gettoni (lavatrice e asciugatrice), sala lettura e condivisione libri, mini-market sempre aperto in cui è anche possibile trovare pochi e davvero molto limitati pezzi di ricambio nautici (non fate affidamento a questo negozio). Ecco l’unico grande limite di Santa Marta è la mancanza di un vero e proprio Ship Chandler.

Santa Marta - Colombia

La vita in Colombia costa davvero poco, pensate il piatto tradizionale l’arepa – un piccolo pane di forma circolare, preparato con farina di mais bianco e formaggio (queso) cotto sulla brace – costa 3000 pesos (1 Euro = 3200 pesos). Noi abbiamo assaggiato le arepas presso un locale con brace in strada, le pagnottelle sono avvolte in grandi foglie di platano e messe sulla brace fino a cottura ultimata.

I ristoranti hanno prezzi bassissimi per noi europei e il cibo è buono. E’ molto facile fare un pasto completo con meno di 10 Euro a persona.

Arepas - Santa Marta - Colombia

Gli equipaggi all'assalto delle Arepas - Santa Marta - Colombia

Rimaniamo cinque giorni in Colombia, un po' per la meteo, abbiamo passato due notti con Y2K piegata tipo bolina e 48 nodi più o meno fissi per 24 ore (e fuori un mare da paura! ), un po' per le lungaggini burocratiche per ottenere lo “Zarpe”, foglio di uscita dal paese.

Due parole sulla meteo: l’area fra Cabo de la Vela e Cabo Santa Marta si trova in una zona di accelerazione del vento che soffia costante da Est-Nord Est. In questo periodo dell’anno è abbastanza normale trovarsi intensificazioni dell’aliseo anche di 10-15 nodi rispetto alla normale intensità. Facile beccarsi sventolate dai 40 ai 50 nodi (come è successo a noi) e mare mostruoso con onde fino a 6 metri al largo.

Avremmo voluto restare di più in Colombia e visitare anche l’interno del paese, ma la voglia di bagnetti, isolette e palmizi è troppa e ci spinge inesorabilmente verso le San Blas Open-mouthed smile
.

No comments:

Post a Comment