December 9, 2016

Fornitori nautici: Solbian

2013-04-20 13.32.36

Nel 2013, nel nostro percorso personale di ricerca dell’indipendenza energetica, ci rendemmo conto che i due pannelli solari da 85Wp montati sul rollbar poco facevano per contrastare i consumi di due frigoriferi.

Non volendo modificare la struttura del rollbar, anche a seguito delle prove e degli articoli molto positivi del Blog della Vela, decidemmo di installare due pannelli flessibili della Solbian della serie SP da 100Wp cadauno. Scegliemmo i modelli più belli, quelli con le celle Sun Power in modo da ottimizzare al massimo lo spazio e la resa dei pannelli. Le celle Sun Power sono di silicio monocristallino che raggiungono il record di conversione del 23% di luce solare in elettricità, ciò significa catturare il massimo dell’energia solare contenendo lo spazio.
Inoltre la caratteristica di essere flessibili, ci permetteva di montarli sulla parte posteriore del nostro tendalino, una parte che rimane sempre aperta in estate. Per far sì che i pannelli non decollino alla prima rinfrescata del vento, questi sono montati sul tendalino per mezzo di cerniere e di velcro a copertura delle cerniere. Un ottima soluzione che ci ha permesso di navigare anche attraverso tutto l’oceano atlantico senza che ci dovessimo preoccupare dei pannelli.

Lo scorso anno, mentre eravamo in navigazione da St. Martin verso le BVI, Isole Vergini Britanniche, volgendo lo sguardo verso l’alto, in direzione del tendalino, ci accorgemmo di un buco da dove si intravedeva la luce solare proprio nel bel mezzo del pannello solare. Si vedeva il tessuto del tendalino senza l’ombra del pannello sopra di lui.

Dopo un primo controllo ci rendemmo conto immediatamente che il pannello si era bruciato, non sappiamo per quale motivo, creando un buco tra le celle.

IMG_20160410_062009

Appena possibile scriviamo una mail alla Solbian spiegando il problema e chiedendo loro informazioni circa l’accaduto.

Siamo abbastanza preoccupati, è un pannello del 2013, quindi ha oltre 3 anni di vita, anche se l’utilizzo è stato inferiore, perché negli anni in cui non navigavamo senza interruzioni i pannelli venivano smontati e riposti in cabina.

La Solbian ci risponde a tempo record chiedendoci informazioni ulteriori ed il numero di serie per poter effettuare ricerche, sia per la garanzia che per la produzione.
Siamo perplessi, si accorgeranno sicuramente che il pannello è vecchio e probabilmente non lo cambieranno e noi rimarremo senza 100Wp di ricarica.
Invece, dopo un paio di giorni la Solbian ci riscrive informandoci che il pannello fa parte di un lotto di produzione dove sono state riscontrate celle Sun Power non perfette e questo difetto ha creato il problema.
Il pannello, nonostante la sua età, ci verrà sostituito in garanzia e ci sarà inviato dove più saremo comodi.

HIP HIP HURRA’ !!!
Ecco cosa volevamo sentirci dire.

E così dopo qualche mese, forniamo a Solbian un indirizzo di dove Y2K si fermerà per qualche tempo: Curacao.
A fine Ottobre, troviamo il nostro nuovo pannello solare Solbian SP-100 che andrà al suo posto, sul tendalino a fornirci tanta altra energia.

IMG_20161104_163253

IMG_20161201_112325

La spedizione verso le Curacao non è sicuramente veloce e nemmeno economica, quest’ultimo fattore ci fa apprezzare ulteriormente lo sforzo di questa azienda Italiana nel voler mantenere alta la qualità del proprio prodotto e la qualità del proprio servizio di post vendita.

Non sappiamo quanti altri produttori avrebbero fornito un servizio a questo livello e quindi ci sentiamo in dovere, di non descrivere solo ciò che funziona male, ma anche ciò che funziona più che bene.

Grazie a Karin, Francesca e Franco di Solbian e di Roberto di Negozio Equo (rivenditore di Solbian) del fantastico supporto ricevuto

.

2 comments:

Anonymous said...

Come non sottolineare anche io quanto avete detto. Io sono stato uno dei primissimi a comprare Solbian appena uscita sul mercato e anche io ho preso ben 4 pannelli SunPower da 50 W (parliamo del 2010 se non sbaglio).
Dopo due anni due pannelli hanno manifestato un problemadi sfogliamento dello strato più superficiale e altri due hanno riportato una bruciatura simile alla vostra ma molto più piccola; nell'arco di un anno mi hanno sostituito praticamente tutti e quattro i pannelli. Comunque nel corso del tempo sono stati sempre disponibili e pronti anche ad approfondire tematiche di carattere tecnico, aiutandomi ad ottimizzare l'impianto. Sono seri, capaci ed impeccabili. I miei più sentiti ringraziamenti e complimenti. Roberto (Pacman)

Y2K Sailing Adventures said...

Caro Roberto,
piacere di risentirti.
Grazie per la tua testimonianza, ci fa piacere che la stessa professionalità mostrata con noi sia una buona e vecchia abitudine di questa Azienda.
A presto.

Max

Post a Comment