October 17, 2015

Verso Gibilterra: da Formentera a Cartagena

Ormeggiati a Punta Espalmador - Formentera

Punta Espalmador - Formentera

Settembre volge al termine, le condizioni meteo risentono ormai dell’imminente arrivo dell’Autunno. Dopo più di un mese trascorso nelle splendide acque delle Baleari in compagnia dei nostri cari amici della ZoomaX, cominciamo a studiare le carte, i grib e le tendenze per identificare una finestra utile che ci consenta di salpare l’ancora da Formentera e volgere la prua verso la Spagna continentale. Decidiamo di atterrare ad Alicante, non solo è relativamente vicina, ma offre anche spunti interessanti per un giro turistico.

Con ZoomaX un pò più a nord di Cala Sabina - Formentera

Dopo un paio di “briefing” con Anna e Paolo in cui ci scambiamo idee e punti di vista sugli aggiornamenti meteorologici, decidiamo di partire il 28 di Settembre, è previsto un bel NE che ci spingerebbe verso Alicante senza fatica. Salpiamo verso le 10 del mattino, ci accomiatiamo dalle isole e dal loro mare trasparente, un ultimo saluto alla ZoomaX e ai nostri amici, li porteremo con noi, nel nostro cuore per tutta la durata della nostra Avventura.

Il fantastico mare di Formentera e delle Baleari

Punta Espalmador - Formentera

Ci allontaniamo da Formentera con un mare liscio come l’olio e qualche nuvoletta innocua, navighiamo a motore per un paio di ore in attesa del NE . A meno di 10 miglia da Formentera, notiamo che la superficie del mare comincia ad incresparsi leggermente, mentre nuvoloni minacciosi sfrecciano lontani sulle coste spagnole. Speriamo nel NE, ma nel giro di un minuto ci ritroviamo un NW teso di 25kt sulla faccia. Non è esattamente quello che ci aspettavamo. Continuiamo per un po' a motore dicendoci che forse si tratta di una cosa momentanea e locale. Invece il NW continua a soffiare imperterrito e in poco tempo anche il mare comincia ad ingrossarsi. C’è poco da fare, svolgiamo la trinchetta e iniziamo a bolinare sempre sperando in un salto di vento temporaneo. Dopo due ore di trinchetta è ovvio ad entrambi e anche ai gabbiani che ci svolazzano attorno che non si tratta di un fenomeno temporaneo… così,  dato che non abbiamo nessuna voglia di spararci mare grosso e vento forte sul naso per 90 miglia, consultiamo le carte e ripieghiamo per una rotta diretta su Cartagena, a 135 miglia. Faremo una rotta leggermente più poggiati e una notturna non pianificata, ma meglio una bolina larga con un angolo migliore rispetto al vento che soffrire in questo modo.

Dopo qualche ora il vento diminuisce un pò, fermandosi sui 22 kt, e comincia a ruotare leggermente verso Est (Yuppieee !!!). Chiudiamo la trinchetta, apriamo il Genoa tenendolo parzialmente rollato e filiamo come siluri al traverso. Onde di un paio di metri si susseguono da poppa, ad un certo punto notiamo delle sagome scure che surfano velocemente fra la schiuma.

Un gruppo di delfini ci circondano e cominciano a giocare con le onde, con la nostra scia e con la nostra prua. Si lanciano a velocità folle fra un’onda e l’altra, saltano fuori dalla cresta, si affiancano a Y2K e ricominciano. Ci accompagnano per una trentina di minuti, il tempo per riprenderli con la nostra videocamera.

La sera il vento ruota ulteriormente e si posiziona finalmente da NE, svolgiamo tutto il Genoa e navighiamo velocissimi al lasco. Ci prepariamo una minestra calda e iniziamo a prepararci per la notte. Alle 21:45 Y2K attraversa il meridiano di Greenwich e lascia l’emisfero Est.

 Y2K attraversa il meridiano di Greenwich

Quando il nostro plotter di bordo riporta la longitudine 000°00’.000E, partono i festeggiamenti. Per la prima volta dal suo varo, Y2K si trova a navigare così a Ovest.

Y2K ormeggiata allo Yacht Port Cartagena - Cartagena

Continuiamo a navigare a vela per tutta la notte e alle prime luci dell’alba siamo in vista della zona costiera vicino a Cartagena. Alle 7 chiamiamo Yacht Port Cartagena ed in breve siamo ormeggiati all’inglese nel marina. La giornata è grigia, freddina e piovosa. Ma noi siamo felici. Le previsioni danno sole e caldo per domani, siamo pronti a fare i turisti .

Y2K ormeggiata allo Yacht Port Cartagena - Cartagena

.

1 comment:

Sergio Torchia said...

Bene! Ovunque voi siate vi accompagni il mio saluto e un grande Augurio di Ottimi Venti.
Ciao sergio -

Post a Comment