July 19, 2012

Crociera estiva 2012 – Pelagie Tunisia e Malta

Questo è il nostro progetto per la crociera estiva 2012, sono 500mg scarse, quindi un giro molto tranquillo che ci farà rilassare e divertire.

Le nostre vacanze inizieranno il 4 di Agosto. Come sempre non riusciremo a partire subito, bisognerà fare cambusa, lavare la barca, caricare il vino (importantissimo), verificare le vele e l’attrezzatura e controllare le ultime cose a bordo. Sarà una stancata insomma Smile

Sarà una crociera in flottiglia, insieme agli amici di Piccola Peste e Stellina.

La nostra crociera ci porterà a navigare per il grande Canale di Sicilia. Visiteremo le Isole Italiane più a Sud le isole Pelagie con Pantelleria, Lampedusa e Linosa, approderemo per la prima volta in Africa e quindi ritorneremo dagli amici di Malta dove tanto bene ci siamo trovati lo scorso anno.

Come sempre ci potrete seguire passo passo su YouPosition, qui sul nostro blog che sarà aggiornato ‘quasi’ in tempo reale e per chi lo preferirà anche dalla nostra pagina di facebook.

Per gli amici navigatori, lo ricordiamo noi siamo sempre in Stand by su canale VHF 16, se vi passiamo vicino provate a chiamarci.

Fair winds and calm seas a tutti voi.

.

July 10, 2012

Ancorare a Favignana – AMP Egadi

IMGA0081

E’ un po’ di tempo che non torno sull’argomento e credo sia anche il momento di fare un breve riassunto della situazione degli ancoraggi alle Egadi.

Nel febbraio di quest’anno è stato introdotto un nuovo disciplinare al regolamento dell’Area Marina Protetta (AMP) delle Isole Egadi.
Il disciplinare, forse a seguito delle numerose proteste ricevute ha subito delle piccole modifiche, l’ultima versione disponibile è questa.
Tralasciando i dettagli tecnici, ma andando al sodo, vi elenco di seguito ciò che un armatore di una barca a vela o a motore di lunghezza superiore a 10 mt potrà o non potrà fare visitando questo arcipelago.

FAVIGNANA COMPLETAMARETTIMO COMPLETALEVANZO COMPLETA

ZONE
Come in tutte le Aree Marine Protette, anche alle Isole Egadi sono presenti le zone, che sono identificate per mezzo di lettere alle quali vengono attribuiti dei divieti:

  • ZONA A – Divieto di navigazione, ancoraggio, balneazione e pesca. Qui è vietato fare tutto, lasciate perdere andate altrove. Oltre ad una ammenda amministrativa c’è anche rischio di incorrere nel penale.
  • ZONA B – E’ consentita la navigazione oltre i 500mt dalla costa, ma se siete una barca a vela e richiedete il permesso potrete navigare entro i 500mt, dare ancora e prendere una boa.
  • ZONA C – E’ consentita la libera navigazione e l’ancoraggio con alcune limitazione che descriverò meglio sotto.
  • ZONA D – E’ libera a tutto, ma per noi diportisti è comunque di scarso interesse essendo molto al largo con acque profonde e senza ridossi.

Fondali di rilevante interesse ambientale
L’AMP Isole Egadi ha individuato e così chiamato delle aree all’interno dell’arcipelago, in zona B e C, che hanno necessità di essere monitorate e protette in modo particolare. Nelle carte sopra riportate vengono identificare con una retinatura. L’elenco completo con i relativi nomi li trovate anche all’interno del disciplinare a Pag 22. Sono le baie più belle, più caratteristiche, più affollate ma anche le più sicure dal punto di vista nautico in caso di tempo difficile e perturbato.

Ancoraggio
La definizione dell’AMP di ancoraggio è la seguente: “l'insieme delle operazioni per assicurare la tenuta al fondale delle unità navali, effettuato esclusivamente dando fondo all'ancora” ovvero il classico ancoraggio in rada per mezzo della nostra bella e sicura ancora.
L’ancoraggio è libero in zona D e in Zona C al di fuori dei fondali di rilevante interesse ambientale. Per poter ancorare all’interno di queste ultime zone è necessario richiedere una autorizzazione che potrà essere giornaliera, settimanale, mensile o annuale. Dalla fine del mese di Giugno è possibile richiederla anche Online utilizzando anche le carte di credito.
ATTENZIONE - L’autorizzazione è però valida solo per gli ancoraggi dall’alba al tramonto ! – ATTENZIONE
Per potersi fermare in rada a dormire sarà necessario prendere una boa libera e pagarla sempre sul sito online, oppure in contanti agli addetti che mi hanno detto essere presenti nei siti. Costo €30,00
ATTENZIONE – E’ presente una norma transitoria che consente l’ancoraggio notturno solo nelle zone dove le boe non sono state ancora installate.

Ormeggio
La definizione dell’AMP per ormeggio è la seguente: “l'insieme delle operazioni per assicurare le unità navali a un'opera portuale fissa, quale banchina, molo o pontile, ovvero a un’opera mobile, in punti localizzati e predisposti, quale pontile galleggiante o gavitello”.
Il Dott. Donati, direttore dell’AMP Isole Egadi, ha dichiarato che saranno installate nell’arcipelago circa 230 boe. Nel momento in cui scrivo non arriviamo a 50.
I campi boa identificati dall’AMP sono indicate sulle cartine con dei segnali rossi.
Il disciplinare indica la possibilità di prenotare le boe, non è ancora chiaro come, ma credo lo sarà quando forse tutte le boe saranno installate.
La Guardia Costiera di Trapani il 18/6 ha emesso l’ordinanza 27/2012 relativa all’installazione dei campi boa, ma con grande sorpresa, queste saranno al momento posizionate solo in alcune zone:
Favignana: Scindo Passo (Preveto), Cala Rossa, Punta Faraglione Ponente e Levante.
Levanzo: Cala Tramontana, Capo Grosso e Punta Altarello.
Marettimo: Scalo Maestro e Zona Conca.


La situazione come vedete è intricata, di difficile applicazione e sicuramente non favorevole al diporto.
Più volte ho detto: QUI NON CI VOGLIONO PIU’ !
Purtroppo, devo aggiungere che se siete anche stranieri, e questo blog ha molti lettori non Italiani, sappiate che il regolamento, il disciplinare ed il sito per pagare online è tutto e solo in Italiano !

Personalmente stiamo combattendo una battaglia per la cancellazione di alcune norme quale per esempio il divieto di ancoraggio notturno, se volete partecipare e non l’avete ancora fatto, vi prego di firmare la petizione online all’indirizzo: http://goo.gl/KJjPN è molto semplice, basta compilare i campi con i propri dati, non è necessario fare donazioni, essere iscritti a Facebook, twitter o altro.

Se avete intenzione di visitare le Egadi, evitate, non venite, non vi meritano.
Andate alle Eolie, andate ad Ustica, andate a Pantelleria, Lampedusa e Malta.

E infine se anche voi ritenete ingiusto questi divieti che hanno il solo scopo di fare cassa, scrivete e chiamare l’AMP Egadi, fate loro sentire la vostra incazzatura, fate loro capire che stanno facendo una immane cavolata !

.