June 30, 2011

Video Navigazione del 26 Giugno



.

5 comments:

Fabrizio said...

Wow, che bolina!!
Quanti nodi di vento? Ho visto che avevi dato una mano quindi suppongo almeno 20.
Ora qualche domanda a scopo didattico, se posso:
Cosa sei andato a fare a prua?
Cosa ti porti al collo?
Avete trovato uno sponsor per la barca? Ho notato su entrambe le mura appese alle draglie dei pannelli....
Bella idea quella dei parabordi sospesi. C'è una cimetta che li tiene dalla parte bassa, suppongo.
Grazie per le belle immagini e per le risposte.

Anonymous said...

Secondo me, in preparazione della virata, ha liberato la scotta del fiocco che tipicamene va a finire sotto al tender assicurato a prua.
Perché hai scarrellato leggermente la randa nell'andatura di bolina stretta ? non bastava la mano di terzaroli ?

Mauro said...

Ciao, passavo di qui e ho pensato di lasciare un saluto!
I parabordi fissati alle draglie, sul manuale Glenans si consiglia l'uso di piccoli moschettoni, (anche Davide usa questo trucchetto) è una grande comodità.
Io che sono un "purista del nulla" (infatti non ho una barca) li vedo bene sottocoperta, assieme alla passerella.
:-)))
Passerò a Trapani prima o poi, così scrocco un giretto su Y2K!
Ciaooo :o)

MaxT said...

Ciao Fabrizio, Ciao Anonimo,
dunque era una bella giornata con vento sui 20kt, raffiche anche a 23.
Come dice bene Anonimo, sono andato a verificare che la scotta fosse in chiaro da tutto, in modo particolare il tender, con questo vento il genoa passa molto velocemente e la scotta ha molto carico, è facile strappare qualcosa.
Al collo porto il telecomando multifunzione della Raymarine dal quale controllo tutta la barca ed ho una visione di tutti i dati e il telecomando del winch elettrico.
L'andatura che avevamo era una bolina molto stretta (per noi!) 38 gradi all'apparente, abbiamo quindi anche scarrellato la randa oltre ad una mano di terzaroli per diminuire lo sbandamento e di conseguenza anche lo scarroccio, andare più forte (forse mezzo nodo), più sbandati, ma con molto scarroccio non ha molto senso se non per il puro divertimento poichè la strada si allunga e di molto.
Riguardo infine agli sponsor... :-)) no, non abbiamo alcuno sponsor, abbiamo messo quei teli sulle draglie per aumentare la protezione dal vento e dagli spruzzi, la privacy a bordo e per contenere dei piccoli oggetti in quanto all'interno abbiamo fatto mettere delle tasche a rete.

MaxT said...

Ciao Mauro,
beh diciamo che se passi per trapani e non ci chiami sicuramente ti daremmo del 'fietente' come dicono a Napoli ;-) Scherzi a parte, fatti sentire che organizziamo.
Riguardo ai parabordi anche per rispondere a Fabrizio, è un modo per tenerli 'quasi' a bordo senza che rompano le scatole e senza fare troppa fatica. E' un metodo che usiamo solo per i week end. Quando andiamo via per qualche giorni li togliamo ed addirittura alcuni li sgonfiamo per far occupare meno spazio.
Nella parte bassa usiamo un elastico con un gancio di plastica che facciamo girare sulle draglie.

Post a Comment